7 skin method: la tecnica di k beauty per ottenere una pelle super idratata

Il tonico coreano e la tecnica del 7 skin method per una pelle perfetta

Se non avete mai provato un tonico coreano, è proprio arrivato il momento di farlo e di concedervi un trattamento extra idratante tra i  
più performanti della beauty routine coreana. Scopriamo insieme come la cosmesi coreana innova anche in termini di modalità di applicazione attraverso il 7 skin method.

La differenza tra il tonico coreano e quello occidentale

Iniziamo con il dire che il ruolo e, di conseguenza, la formulazione del tonico coreano sono molto diverse da quelle del tonico occidentale.
Il tonico occidentale è spesso ricco di alcool e ha la funzione di rifinire la pulizia e riequilibrare il pH della pelle. In genere interpretato come prodotto per pelle grassa, è ignorato dalla maggior parte delle donne che non ne capiscono bene la funzione. Nella cosmesi coreana il tonico è un prodotto fondamentale. Step 4 della beauty routine coreana, costituisce l’anello di congiunzione imprescindibile tra la pulizia e l’idratazione. Sì, avete capito bene: il tonico coreano è il primo prodotto idratante da applicare sul viso.

Il tonico coreano è idratante

La doppia pulizia coreana che si esegue con il cleansing oil e poi con un detergente a base acqua è talmente efficace e delicata che non necessita di prodotti ulteriori per rifinire, riequilibrare e liberare i pori.
La pelle dopo la detersione coreana è come una spugna asciutta: ha bisogno di essere idratata gradualmente con texture liquide e cariche di attivi. Qui entra in scena il tonico idratante coreano, ricco di attivi, che inizia a idratare la pelle preparandola a ricevere in progressione i sieri e e le creme viso successive.

Il 7 skin method per una pelle splendente

Dopo aver chiarito che tipo di prodotto è il tonico coreano, adesso vediamo insieme cos’è il 7 Skin Method for Glowing Skin – il metodo di applicazione che tutte le coreane usano e che ha fatto impazzire le americane quando l’hanno scoperto.
In pratica si tratta di applicare per 7 volte di seguito il tonico sul viso picchiettando per favorirne l’assorbimento e stimolare la microcircolazione.
Il 7 è un numero simbolico e sta a indicare una stratificazione ripetuta del prodotto: il numero di volte in cui si applica il tonico coreano dipende dalla propria pelle e dalla ricchezza del prodotto che si sceglie. Per orientarsi diciamo che si va da un minimo di 3 volte a un massimo di 8 volte, senza tempi di posa intermedi. La sensazione è quella della pelle che letteralmente beve il prodotto: quando vi accorgete che l’assorbimento è rallentato o del tutto finito, quello sarà il numero giusto di layer da applicare.

Come si esegue il 7 skin method

Il metodo 7 volte può essere eseguito non solo con il toner ma anche con un essence o con la mist.
Il viso deve essere perfettamente pulito e asciutto ed è preferibile usare le mani per eseguirlo.
Versate un po’ di tonico sulle mani e poi applicatelo sul viso picchiettando, cioè dando dei colpetti con il palmo o i polpastrelli in modo molto delicato.
Se si usa una mist è ancora più semplice: basta nebulizzare il prodotto sul viso alla distanza di mezzo braccio.
Se scegliete di usare un prodotto semiliquido, magari una first essence, abbiate l’accortezza di dosare meno prodotto perché comunque sarà più concentrato e ne basterà di meno.
Mano mano che proseguite con le applicazioni vedrete la pelle illuminarsi e diventare sempre più piena e turgida. Alla fine del trattamento non è necessario applicare altri prodotti di skincare, ma le coreane amano stratificare e quindi poi procedono con tutti gli step della beauty routine coreana.

I vantaggi del metodo 7 volte

Il 7 skin method è molto semplice da eseguire, basta munirsi di tonico e di qualche minuto di tempo da dedicare a sé stessi. È un extra trattamento idratante intensivo che può essere eseguito anche parzialmente: durante la vostra routine quotidiana applicate magari 2 o 3 volte il tonico per maggiore idratazione. Il tonico è un prodotto che non unge e non appiccica e il 7 skin method è perfetto da eseguire d’estate quando la disidratazione è tanta ma il caldo ci impedisce di indossare prodotti troppo spessi. Ma anche l’inverno è il momento ideale per concedersi la coccola del 7 skin method perché l’extra idratazione aiuta a rafforzare la barriera idrolipidica e ci protegge dalle aggressioni del freddo.

I migliori tonici coreani per ciascun tipo di pelle

Tutti i tipi di pelle godono dei benefici del 7 skin method, a patto che si scelga il prodotto giusto.
La pelle grassa, così difficile da idratare perché si lucida subito, con un bel tonico a base tea tree avrà un trattamento perfetto sia idratante che astringente e purificante. 

La pelle secca e sensibile, invece, con un tonico a base di acqua di rosa damascena avrà un’esperienza di idratazione unica, inoltre potrà giovare di un effetto lenitivo e calmante su irritazioni e rossori. Non è un caso se il miglior tonico viso coreano contiene proprio questo ingrediente. 

Il 7 skin method è un bel trattamento anche per uomo: il tonico è un prodotto che ha la consistenza perfetta e che si avvicina molto al dopo barba. Il gesto di applicare il prodotto liquido picchiettando o dando dei piccoli schiaffetti è già acquisito, per cui di sicuro l’uomo si troverà a suo agio con il 7 skin method. La cosmesi coreana offre molti prodotti inodori e dalla giusta consistenza che idratano e hanno un bell’effetto antiage.

Godetevi l'esperienza!

Il 7 skin method è un’esperienza divertente che sicuramente la prima volta è eseguita con un po’ di scetticismo, almeno a me è successo così, ma che raggiunge davvero lo scopo di apportare una super idratazione confermando in pieno che la
cosmesi coreana è innovativa, divertente e straordinariamente efficace!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Ilaria

Ilaria

Sono una professionista digitale dal cuore analogico. La passione per la cosmesi coreana mi ha spinta a diventare imprenditrice, blogger, vlogger e chi più ne ha più ne metta...dove mi porterà alla fine non ne ho ancora idea!

Lascia un commento

Articolo Correlati