LIposomi e cosmesi coreana

Cosa sono i liposomi e come la cosmesi coreana li usa al meglio

Liposomi è una parola che è entrata nel vocabolario delle beauty addict da quando le case cosmetiche hanno iniziato ad usare la tecnologia liposomiale per potenziare l’efficacia dei cosmetici. E naturalmente la cosmesi coreana la propone al meglio.

Il mondo della cosmesi è pieno di nomi strani, si entusiasma per ogni nuova mirabolante scoperta di principi attivi e tutte pendiamo dalle labbra dei più avanzati istituti di ricerca scientifica per conoscere la nuova scoperta che cambierà il nostro viso.

In questo la cosmesi coreana spende una delle sue migliori carte, grazie all’avanzata dotazione tecnologica del paese che ha saputo imporsi sulla frontiera di innovazione e sviluppo cosmetico. A Seoul una folta schiera di ricercatori, biologi, analisti e uomini di marketing impegnano le loro giornate nell’esplorare territori che nessuna cosmesi ha mai percorso con l’unico obiettivo di essere i primi e i migliori.
E qui entrano in scena i nostri liposomi.
Ma partiamo dall’inizio:

Chi ha inventato i liposomi?

Come spesso succede, i liposomi sono stati scoperti per caso nel 1961 dal dott Alec Bangham mentre insieme al suo collega Horne stava provando un nuovo microscopio elettrico. La scoperta è apparsa subito interessante per le applicazioni in ambito farmacologico.
Ma chi ha veramente inventato i liposomi è stata madre natura che ha trovato questa brillante soluzione per creare l’unico alimento specificamente progettato per l’alimentazione: il latte materno. L’esigenza era quella di garantire una capacità ottimale di assorbimento delle sostanze nutritive e la natura ha inventato delle bolle cariche di vitamine, minerali e molto altro: così sono nati i liposomi.

Che cosa sono?

I liposomi sono delle vescicole fosfolipidiche a doppio strato costituite da fosfolipidi o colesterolo che normalmente contengono della soluzione acquosa. Il loro nome viene dal greco, dalla congiunzione delle parole lycos e soma che significano grasso e corpo. Sono strutture molecolari che consentono di essere immerse in acqua isolando il principio attivo che custodiscono al loro interno.

Si differenziano dalle micelle perché queste ultime non sono cave.

1200px Strutture fosfolipidiche in soluzione acquosa.svg

A cosa servono?

La meravigliosa funzione che svolgono i liposomi è quella di veicolare principi attivi direttamente all’interno delle cellule. Per farlo devono essere ingegnerizzati per fondersi con la membrana cellulare.

Sono utilizzati sia in farmacia che in cosmesi per veicolare i principi attivi in profondità e consentire il rilascio graduale dei principi attivi.

Presentano molti vantaggi, come quello di non essere tossici, di non allarmare il sistema immunitario e proteggere i principi attivi dagli enzimi e dal ph dell’ambiente che attraversano. Tutto per consentire ai principi attivi di farmaci e cosmetici di arrivare direttamente nella cellula.

Quante tipologie di liposomi esistono?

Da quando sono stati scoperti, la ricerca scientifica si è particolarmente appassionata a queste strutture molecolari e ne ha quindi create di molte tipologie per rispondere alle varie esigenze farmaceutiche e cosmetiche.

Esistono quindi diversi tipi di liposomi classificati a seconda delle dimensioni, del numero di strati che li compongono – quindi se unilamellari o multilamellari – e dalla capacità di contenere altri liposomi. Questi ultimi si chiamano multivescicolari: ossia contengono altri liposomi che trasportano altri principi attivi in una sofisticazione che consente più opportunità di trattamento. Esistono anche liposomi sensibili al ph, alla temeperatura o a determinati geni per liberare il loro contenuto solo in presenza di alcune caratteristiche genetiche. Capite come la sofisticazione tecnologica sia massima e come la tecnologia liposomiale possa essere più o meno all’avanguardia

Utilizzo in cosmesi

La cosmesi si è subito interessata alle potenzialità dei liposomi, e la prima crema a contenere questa tecnologia è stata lanciata da Christian Dior nel 1986: si tratta della mitologica linea Captur.
Da lì molte case cosmetiche hanno sviluppato tecnologie liposomiale naturalmente con alterne vicende in termini di efficacia.

Liposomi e cosmesi coreana

L’industria cosmetica coreana fa da sempre molta ricerca e non poteva non interessarsi ai liposomi: in particolare il laboratorio scientifico di Sandawha ha focalizzato le sue ricerche su questa componente arrivando a sviluppare un brevetto esclusivo.

La sfida sta nel riuscire a far arrivare il liposoma intatto alla cellula target – i liposomi hanno lo svantaggio di essere particolarmente esposti a processi ossidativi – e di fondersi con essa senza residui tossici o dannosi.

Il brevetto di Sandawha consente tutto questo in modo ottimale e permette al principio attivo di penetrare il più in profondità possibile.

Tutto questo è stato messo a disposizione della bellezza della pelle con la linea ai Liposomi di Sandawha le cui performance sono scienza e non pubblicità.

Il brevetto Sandawha per la realizzazione di liposomi

La linea ai liposomi di Sandawha

https://www.thekbeauty.com/liposome-intensive-eye-contour-cream

SANDAWHA

Liposome Intensive Eye Contour Cream contorno occhi intensivo

48,00€

Camellia Liposome Renew Moisturizing Cream.TKB

SANDAWHA

Liposome Renew Moisturizing Cream crema viso idratante

45,00 €

Sandawha Liposome Skin Softner

SANDAWHA

Camellia Liposome Skin Softner tonico idratane e ammorbidente

45,00 €

Sandawha Multi Action Intensive Essence

SANDAWHA

Camellia Liposome Multi Action Essence siero idratante multi azione

48,00 €

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Ilaria

Ilaria

Sono una professionista digitale dal cuore analogico. La passione per la cosmesi coreana mi ha spinta a diventare imprenditrice, blogger, vlogger e chi più ne ha più ne metta...dove mi porterà alla fine non ne ho ancora idea!

2 pensieri su “Cosa sono i liposomi e come la cosmesi coreana li usa al meglio

  1. […] La tecnologia liposomiale applicata al principio attivo ristrutturante e liftante della camelia japonica, fa miracoli in questo contorno occhi biologico i cui risultati sono visibili in pochi giorni. […]

  2. […] SanDaWha, come abbiamo visto, dedica particolare attenzione all’innovazione e alla sperimentazione scientifica, per questo ha concentrato le sue ricerche su delle particolari strutture molecolari da sempre utilizzate in ambito cosmetico:  i liposomi. […]

Lascia un commento

Articolo Correlati